Si tratta di un salvagente individuale per evacuazione da palazzi in fiamme o con fumi letali, una sorta di “scialuppa di salvataggio” per grattacieli. A me piace descriverlo anche come un binario o un “pozzo antigravità”.

Il problema che STG risolve è quello di diminuire drasticamente i tempi di evacuazione da palazzi alti e grattacieli in cui si verifichino situazioni di emergenza attraverso un sistema che sia sempre funzionante, che sia utilizzabile individualmente, che non necessiti di personale specializzato e non soprattutto di alimentazione elettrica. Ad esempio, in caso di incendio, l’altezza e l’indisponibilità degli ascensori unita alla presenza di fumi tossici allungano enormemente i tempi di evacuazione dalla struttura. L’arrivo dei soccorritori inoltre non è immediato ed il loro accesso ai piani alti è lento e difficoltoso. Nel frattempo il pericolo di rimanere bloccati in aree via via raggiunte dal fuoco e dai fumi cresce esponenzialmente col passare dei minuti. Si rende perciò necessario installare un sistema che funzioni permanentemente e quindi già disponibile in caso di emergenza e che consenta alle persone di provvedere autonomamente alla propria salvezza senza attendere i soccorsi, raggiungendo in pochissimi minuti l’esterno dell’edificio.

Il sistema STG consiste in canali verticali, correnti dai piani fino a terra, attrezzati con magneti  permanenti cui si accede con appositi elementi individuali, i “salvagenti”. L’interazione tra il materiale con cui sono realizzate le pareti del canale ed e quello dei “salvagenti” genereranno una discesa a velocità controllata, definita in progettazione, senza bisogno di interventi da parte dell’utente o di centrali di controllo remoto.

Riassumendo, funziona così:
– Conduce dolcemente a terra una persona ogni 5 secondi.
– Non necessita di alimentazione elettrica.
– Non ha funi, contrappesi, freni meccanici, cremagliere. Non necessità di attivazione o interazione elettrica o elettromagnetica con sistemi esterni. Nulla insomma che possa guastarsi.
– Il binario annulla il 98% della gravità.
– Il salvagente consiste in una piattaforma magnetica dotata di rotelle che percorre fino a 20 cm al secondo contro i 10 metri secondo di una discesa in caduta libera.
– Si preleva nei pressi della porta/finestra di emergenza dove ci si immette sul binario.
– Per palazzi più alti (oltre 10 piani), esiste una versione a velocità variabile – lenta in partenza ed all’arrivo e rapida nel percorso intermedio così da poter giungere a terra in 45 secondi dal 100° piano. Tale variabilità è fornita esclusivamente dalle caratteristiche interne, tecnico fisiche dei materiali.

STG è sempre operativo. Questo significa che funziona sempre, anche in condizione di emergenza (incendi, etc), proprio laddove altri sistemi vanno fuori uso (es: mancanza di energia elettrica; fumo; etc). Non ha bisogno di essere attivato al verificarsi di una emergenza, non necessita di alimentazione elettrica ed è utilizzabile individualmente da chiunque voglia porsi in salvo, conducendo a terra in pochissimo tempo le persone in pericolo.

Ha ricevuto un’eccellente accoglienza di critica e di pubblico nell’ambito della Maker Faire 2015

logo Maker